domenica 24 gennaio 2010

Insegnare all'Università

Come ho preannunciato precedentemente, questo mese mi vedrà impegnata nel preparare e dare un corso a studenti universitari di Pedagogia. La traduzione della materia suonerebbe in italiano più o meno come "Pianificazione dell'educazione". Si tratta della direzione di centri educativi. Non è affatto il mio ambito e non mi entusiasma, però mi sto adattando.

Prima lezione:
- Bè, dato che il corso è a libera scelta, volevo sapere cosa vi abbia portato a sceglierlo, che idea vi siete fatti dei temi che tratteremo, che aspettative e suggerimenti avete, quali sono le conoscenze basiche che avete della materia....
- Veramente non abbiamo la più pallida idea sul corso!
(evviva la sincerità!!)
- Siccome siete pochi magari potremmo fare un giro di nomi:
- Luli, Conchi, Tere... (ma chè sono, i nickname di messenger?? eh, vabbene l'importanza dell'atteggiamento friendly alunno-professore, ma ai miei tempi ci si chiamava per cognome. E ci si dava del lei).

- E, passando alla prossima slide.... -Mano alzata- Sì??
- E' l'ora!
- Ma manca un quarto d'ora....
Ah il quarto d'ora Accademico. Sono proprio arruginita. O mi hanno presa in giro???

Sono rimasta stupita che a lezione (con frequenza obbligatoria) mancassero i due terzi delle persone. Ho ben deciso quindi di inviare una mail a tutti scrivendo che la frequenza vale un 10 per cento del voto finale. Alla lezione successiva i risultati sull'assenteismo sono stati lampanti!!!

In ogni caso ho scoperto a mie spese che dare lezioni è la parte più facile. Per preparare la prima lezione ci ho messo 6 ore. E 25 minuti per esaurire tutte le slide. Deprimente.
Per non parlare di quello che mi tocca tra poco: correzione di esami e colloqui. Meno male che  il tutto dovrebbe durare solo un mese!

4 commenti:

  1. Ma in Spagna non ci si da mai del lei! Fra un po' tuteano anche Juan Carlos e Benedetto 16, per dire!

    RispondiElimina
  2. a me ha fatto strano essere "dall'altra parte della barricata" mi sentivo ancora tra gli studenti e se si giovane non è facile farsi prendere sul serio.... Come ti capisco io per la prima lezione ho studiato due giorni forse più che per gli esami!!!! In bocca al lupo per le prossime!!!!!!baci

    RispondiElimina
  3. complimenti per la passione che metti nel tuo lavoro e per i contenuti del weblog, ricco di opinioni condivisibili ;)
    buona serata,
    Marco Michele
    CN

    RispondiElimina
  4. ...vabbè che tuteano a tutti, però anche con i nomignoli esagerano un bel pò. La Rettrice dell'Università si fa chiamare anche ufficialmente Conchita (Concepcion)!!!

    Farsi prendere sul serio dagli studenti...bel problema...poi io ho una caratteristica faccia da eterna 15enne. Secondo me si stanno divertendo moltissimo con me. Alla fine la docenza dà soddisfazioni, però...quanto lavoro!!!

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails