mercoledì 16 giugno 2010

Vivere in Spagna: la nostra città

Io e la mia piccola famiglia viviamo a Pamplona, una città del nord della Spagna, da ormai cinque anni. Pamplona è una città famosa per l'encierro che si svolge durante la festa di San Fermin (6-14 Luglio). Si tratta di una tradizione che consiste nel far correre i tori lungo un percorso chiuso dalla "stalla" all'arena della plaza de toros attraverso il centro della città per poi finire con una corrida. In questo percorso varie persone (pazze) chiamati mozos, corrono con i tori. Pamplona, città generalmente moooooolto tranquilla, si trasforma completamente. Tutta Pamplona si veste di bianco e rosso. La gente durante questi giorni impazzisce, si beve molto, si dorme per strada, si pagano prezzi folli per avere un balcone con vista sull'encierro, succedono molto spesso cose spiacevoli e non parlo solo dei feriti e dei morti provocati dall'encierro ma anche di incidenti mortali dati dall'ubriachezza, violenze e pochi anni fa addirittura un omicidio. A parte quest'aspetto negativo la Pamplona di giorno durante le feste è tutta un'altra cosa. Propone un ampio e dettagliato programma quotidiano che comprende dagli spettacoli per bambini a vari spettacoli di bande folkloristiche, mercatini e bancarelle invitanti, luna park e circo e tutte le sere fuochi artificiali.




Pamplona durante il resto dell'anno è a misura di famiglie con figli piccoli. È una città che offre ampissimi spazi verdi in ogni angolo dotati di zona giochi per bambini meticolosamente attrezzata. Gli autobus sono dotati di uno spazio solo per passeggini ed è difficile capitare di salire su un autobus molto affollato. A Pamplona la delinquenza è praticamente a zero. Si può andare al mercato con la borsa aperta, salire sui mezzi pubblici senza trattare i tuoi effetti personali come se fossero il tuo secondo figlio (o peggio siccome devi abbracciarli costantemente), non chiudere la porta di casa con 100 mandate prima di andare a letto (e dopo aver vissuto a Milano abbandonare queste abitudini è stata dura!). Non esiste teppismo, non si vedono edifici sfregiati, non trovi quasi per niente poveri per strada chiedendo elemosina. Ecco, l'unico neo è che penso esista un lauto mercato nero delle biciclette perché è molto facile che la tua bici sparisca in men che non si dica (a pezzi o intera). Si consiglia di andare in giro portandosi sempre il sellino dietro e di non lasciare mai la bici in strada la notte. Impossibile ritrovarla intera. Recentemente hanno fatto una lunghissima e piacevolissima pista ciclabile che percorre buona parte della città.






Pamplona fa anche parte della zona basca e quindi è a volte (non spesso) obiettivo del terroristi di ETA. L'anno scorso hanno piazzato una bomba proprio nell'Università dove lavoro in pieno giorno. Io per fortuna ero in maternità ma il posto dove l'hanno messa è un passaggio molto frequentato (spesso anche da me) e non credo di esagerare se dico che è successo un miracolo se nessuno si è ferito gravemente (o peggio). Dovuto a quest'aspetto, soprattutto nel nostro ambiente di lavoro, ci sono misure di sicurezza altissime ed è un pó sgradevole. In pratica devi sempre andare in giro con una tessera di riconoscimento che se ti dimentichi praticamente non sei nessuno e devi supplicare i tuoi più alti superiori per farti riconoscere e poter entrare.

A Pamplona vedi in ogni angolo giovani famiglie con a seguito dai 3 ai 5 figli di media. Ci sono molti asili (pieni) che funzionano perfettamente. È una città pulitissima. I parchi e le rispettive aree gioco sono sempre impeccabili. I lavori pubblici durano pochissimo e i risultati sono eccellenti e all'avanguardia. Le case Pamplonesi sono ampie e generalmente ben distribuite. Anche se ultimamente si sta introducendo purtroppo il modello di cucina americana e il soffocante monolocale, normalmente le case sono dotate di una sala e una cucina abbastanza spaziosa, terrazza, camere e bagni. Pamplona è la provincia di Navarra che è una delle comunità autonome più ricche della Spagna. Nonostante questo la crisi spagnola si sta facendo sentire parecchio e il costo della vita si sta alzando vertiginosamente mentre allo stesso tempo vari aiuti economici che venivano dati a favore della famiglia sono stati tolti.

Il tempo di Pamplona è l'aspetto più discusso. Uno dei detti più famosi è se non ti piace il tempo di Pamplona aspetta 5 minuti che cambia. Ed è proprio così. C'è molto vento e d'inverno fa parecchio freddo. Piove frequentemente anche d'estate (per questo è una regione verdissima) e le stagioni non sono mai definitive. Puoi trovarti in pieno agosto con la maglia di lana e a fine ottobre in maglietta (ma è più facile la prima opzione). Però è anche una città luminosa: d'estate il sole tramonta alle 22 ed è bello essere in giro a quest'ora e sentire che è ancora giorno. Geograficamente Pamplona è ben piazzata dato che è a 40 minuti dal mare (San Sebastian, una delle città più belle della Spagna) e a un'oretta dalla montagna. In un'ora e mezza si puó arrivare alla riviera Francese, di una bellezza indescrivibile: spiagge immense, libere, pulite. Oltretutto fanno delle crepes squisitissime in baretti tipici con terrazza sulla spiaggia a prezzi stracciati. Il camino de Santiago attraversa la città di Pamplona ed é bello vedere tutto l'anno i viandanti.





Gli spagnoli sono gente davvero accogliente e generalmente hanno molta simpatia verso gli italiani. Sono persone calde e calme. Hanno una mentalità tranquilla e non stressata. L'orario di lavoro nazionale è dalle 9 alle 14 e dalle 16 alle 19 (lasciano il tempo per la siesta!!). Qui si pranza tra le 14 e le 15.30 e si cena tra le 21 e le 22.30.  Ovviamente si va a letto abbastanza tardi.

Io amo questa città che ha visto nascere la mia famiglia...

17 commenti:

  1. Maggie cara ma quante cose abbiamo in comune?!!!La famiglia di mia madre vive tra Pamplona, un piccolo borgo medievale, il paese si chiama Artajona (non so se la conosci!) e San Sebastain!!Tutte le estati della mia infanzia le ho trascorse in questa meravigliosa regione!!Concordo con tutto quanto, è un posto meraviglioso peccato che sono ormai troppi anni che non ci ritorno!!

    RispondiElimina
  2. Maggie hai descritto la tua città in maniera così bella e solare che mi hai fatto venire una voglia matta di vederla... chissà, magari l'anno prossimo puntiamo da quelle parti! Per me Pamplona era soprattutto la corsa dei tori a san firmino, tradizione che mi ha sempre incuriosito anche se non riesco a comprenderla fino in fondo, non avrei mai il coraggio di mettermi a correre davanti a un toro incazzato!!! :-)

    Ruben

    RispondiElimina
  3. ciao grazie per tutte le informazioni mi piacerebbe un giorno poterla visitare !!

    RispondiElimina
  4. ho appena cominciato la lettura, ma questo te lo devo dire subito...stai nella città di Fiesta di Hemingway...ficooooo!

    RispondiElimina
  5. ti dico solo che dopo aver letto il tuo post mi sono chiesta e perchè io son ancora a Roma??? sei fortunata a vivere in un posto così bello: Roma per me è meravigliosa ma non adatta a famiglie è un posto fantastico da single ... ma con i bambini ti rendi conto di quante cose non vanno dagli asili ai parchi giochi.
    Un abbraccio a te e a Pamplona!!!!!!!!!!!!1

    RispondiElimina
  6. dev'essere davvero bella Pamplona, come tutta la Navarra.. Ho una collega basca che mi ha raccontato diversi aneddoti su san Firmino e devo dire che proprio non riesco a capirlo, lo trovo un momento davvero crudele..

    RispondiElimina
  7. uuuh che bello !!! Leggevo da un po' il tuo blog ma ignoravo che scrivessi da Pamplona!!! Hai descritto benissimo la tua città e si vede che la ami. Io la visitai anni or sono in occasione di una vacanza nei paesi baschi... sono posti davvero meravigliosi. Ho riso leggendo la frase del "tempo" anche noi , a modo nostro, constatammo la sua mutevolezza!!! ;)

    RispondiElimina
  8. Neppure io sapevo il nome della città in cui vivevi. Che invidia, sembra proprio un posto tranquillo e a misura di persona, oltre che di bambino. E a guardare le foto viene voglia di partire per venire a trovarti :-)

    RispondiElimina
  9. Mi hai fatto venir voglia di partire!!!! Peccato per la corsa dei tori però...

    RispondiElimina
  10. ciao!
    ti ho scoperta per caso, quindi so poco si te e della tua famiglia... ma già mi piace!
    e poi vivete in spagna... mia sorella sono già 5 anni che si è trasferita a Siviglia.
    inutile dirti che amìamo la spagna :)

    se avessi voglia passa a prendere un caffè da me, ok?

    RispondiElimina
  11. @anna: me l'avevi detto di avere una storia pamplonese. ma perché non fai un saltino?? sarebbe troooooppo bello!

    @ruben e chiara: io la consiglio una vacanza qui. mi sembra un posto ideale. fateci un pensierino!

    @polly e mammaC: sí, pamplona deve la sua fama soprattutto a hemingway. ma non mi sento particolarmente fortunata. come ho scritto io non sono completamente d'accordo con questa festa

    @Mrs Apple: mi arrabbio ancora con il tempo. impossibile abituarsi a questa lunaticità

    @mammanonlosa e Pollon: quando ci si fa una famiglia si capisce la necessitá e si apprezza la bellezza di vivere in una cittá a misura di famiglie

    @Melodia notturna: in verità i tori per vederli bisogna volerlo fortemente. e poi il resto dell'anno è una città che sfiora il limite della noiosità per quanto sia tranquilla...

    @mammalelella: benvenuta!! a siviglia siamo stati per il viaggio di nozze. stupenda ma....troooooooppo caldo! non amo il caffé ma passo da te volentieri!

    RispondiElimina
  12. wow, anche io conoscevo Pamplona solo per la corsa dei tori, ma evidentemente c'è molto altro ancora da scoprire! Mi hai fatto sorridere con la storia del sellino della bici da portare con sé...penso amaramente, al fatto chenoi a Roma dovremmo portarci fin dentro casa lo scooter a spalla...Invidiabile nuovo stile di vita, complimenti!

    RispondiElimina
  13. ciao,volevo farti i miei complimenti per il blog! davvero bello e interessante! volevo chiederti alcune cose, io e il mio fidanzato stiamo per avere un bambino, dopo la nascita vorremmo trasferirci a pamplona, dato che qui il mio ragazzo perderà il lavoro a breve e io sono laureata in lingue ma non lavoro! io ho vissuto gia un'anno nelle asturie e quindi parlo spagnolo e sono ben introdotta nella vita e nei costumi spagnoli, secondo te è possibile? è una pazzia? avremo opportunita lavorative lì? sai partiremmo con un piccolo gruzzoletto ma bastera solo per i primi mesi! grazie un saluto sara

    RispondiElimina
  14. benvenuta sarita! potresti scrivermi alla mia mail? ti risponderò a tutto. amodomiomaggie@gmail.com

    RispondiElimina
  15. Fate come me, emigrate...ma vi conviene davvero venire in Spagna?
    http://www.occhiopidocchio.info/europa/ti-conviene-venire-in-spagna/
    Saludos da Madrid

    RispondiElimina
  16. bellissima descrizione!!!
    ciao mi chiamo matteo,papa' di viola ed antonio,marito di susana (pamplonesa doc....anzi...burladesa....ahahahahaah)
    ti scrivo per curiuosita'?di cosa vi occupate ?sai,il mio desiderio sarebbe quello di poter tornare a vivere in spagna (dal 1995 al 2001 siamo stati a barcelona,ora in italia-milano)....susana 39 anni e' estetista da sempre,io 38 nel settore commerciale-rappresentante di gomma,plastica.......ma con l'hobby della falegnameria-restaurazione.......abili di mano,veloci di mente,amanti della natura,del Signore, e della famiglia..............cosa mi consiglieresti?grazie e spero a presto
    matteo,inzago-mi

    RispondiElimina
  17. Ciao Maggie, non conoscevo il tuo blog e a dire il vero nemmeno conosco così bene Pamplona come la conosci tu. Se ti interessa scrivere di Pamplona o di altro (sempre in tema Spagna), contattami su info@vivereinspagna.com. Un saluto! :)

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails