giovedì 7 ottobre 2010

Preparativi e dettagli del matrimonio

Tre anni dopo, voglio ricordare quel giorno cosí, descrivendo i piccoli dettagli per la preparazione del nostro matrimonio. 


Il vestito. Penso che il vestito della sposa sia come 'l'immagine simbolo' del matrimonio. Per me ha sempre rappresentato il tipico sogno infantile. Poi quando è il momento della scelta, ti rendi conto che l'idea che ti sei fatta é completamente diversa dalla realtà dei fatti. Io avevo sempre pensato ad un abito stile impero, a vita alta, morbido, con un coprispalle elegante e originale. Ecco, questo genere mi stava malissimo. Mi faceva bassa e grassottella. Però devo dire che mi ci è voluto un pò di tempo prima di lasciare l'idea. Una cosa era certa: non avrei mai scelto un vestito vaporoso e ampio. Mi sentivo come una torta pannosa!! Oltretutto a Mr. F. sono sempre piaciute le cose eleganti ma sobrie (anche troppo) tanto che avrebbe voluto che mi sposassi con tailleur bianco...orrore!!! non potevo abbandonare il sogno del vestito!! 
Arrivato il grande momento della scelta ho deciso che mi volevo divertire e provare quanti più vestiti avessi potuto. In fondo sarebbe stata l'ultima e unica occasione! Penso di essere arrivata a provarne una trentina (per la gioia delle commesse e di mia mamma). Ricordo che feci le prime prove alla sposa di gió. I vestiti nel catalogo erano da sogno e lo stile quello che desideravo per me. Però, con grande delusione, ho scoperto che su di me perdevano completamente la bellezza. Sono vestiti che cadono troppo sul corpo, di quelli che stanno bene solo sulle modelle alte, magre, piattissime.
Ricordo la sensazione della prima volta che indossi un vestito da sposa. Praticamente ti commuovi. E i familiari che ti accompagnano pure. Poi, dopo il terzo, provi la stessa sensazione che si sente quando indossi un vestito di carnevale. Come si fa quindi a trovare il TUO vestito?? Bè, lo senti. Senti che non sei vestita da sposa ma SEI la sposa. Almeno cosí é stato per me.

Il mio vestito basico era cosí:


Mi piaceva la semplicità e l'eleganza, ma volevo un tocco in più, che lo facesse personale. Cosí ho fatto aggiungere una rosa di tessuto alla gonna che tirasse un pó su l'ultimo strato di velo e ho pensato a una seconda versione per la parte del ricevimento, siccome senza la fascia sopra il vestito sembrava un pò vuoto. Le maniche, nella versione 'fascia' le ho potute infilare dentro al corpetto e tirare fuori al momento opportuno. Ecco il risultato:




Una delle cose più "speciali" era il velo. Trasparente e fatto a "punta" sia dietro che davanti. L'effetto era molto bello.

Ho scelto un bouquet di rose bianco panna con piccoli melograni, che sono stati ripresi anche nelle decorazioni dei centrotavola. Il bouquet l'ho chiesto senza 'caduta' però a posteriori mi rendo conto che sarebbe stato meglio con, siccome ero talmente tesa che mi aggrappavo 'al manico' come fosse un maniglione antipanico e l'effetto non era proprio bello...


La decorazione del bouquet é stata ripresa anche per l'acconciatura. Non avevo i capelli molto lunghi ma volevo assolutamente raccoglierli per lasciare il viso libero.


Le scarpe erano con la punta, troppa per i miei gusti. Io sono fan del tondo. Ma quell'anno non sono riuscita a trovare un'alternativa. Le ho prese pensando che avrei potuto riutilizzarle in altre occasioni ma in realtà non é mai successo. Se quel giorno non ho provato nessun tipo di dolore ai piedi, oggi, quando le guardo, mi chiedo come sia stato possibile. Ho sempre pensato che nell'immagine generale di una sposa le scarpe siano quell'accessorio che, se azzeccato non si nota, mentre se non lo é...ci si fa subito caso!!


Le fedi che abbiamo scelto sono quelle classiche, dette francesi. abbiamo peró scelto una dimensione leggermente piú grande della normale, perché fossero più robuste (devono compiere moooolti anni). Dentro, i nostri due nomi con la data. Nella mia, prima il suo nome e poi il mio, nella sua viceversa.


Per il pranzo del ricevimento abbiamo deciso di fare un buffet self service con molti antipasti, primi e dolci. È poco consueto ma a me piaceva molto l'idea ed oltre a farci risparmiare non rinunciando alla qualità, ci ha liberato dell'organizzazione dei tavoli. Erano in ogni modo disponibili tavoli e sedie. Penso che sia andata bene, ha creato un ambiente meno formale e più allegro, anche se più caotico e sicuramente meno confortevole, soprattutto per chi veniva con bambini. Tutte le volte che guardo le foto dei vari buffet penso che non mi perdonerò mai di non aver mangiato nulla. Tra l'altro non abbiamo nemmeno fatto la prova dei menú per mancanza di tempo e difficoltà nell'organizzazione siccome gestivamo tutto dalla Spagna.


Abbiamo deciso di fare il ricevimento in un agriturismo sui colli bolognesi che custodisce alcuni importanti ricordi familiari. Il tempo é stato bello fino al pranzo, poi é scesa un pò di pioggia. É stato un peccato perchè il posto offriva ampi spazi all'aperto ma alla fine è andata bene cosí.
Il matrimonio l'abbiamo organizzato in 7 mesi. Sembra poco ma con un pó di fortuna e di lavoro si può fare tutto perfettamente. Abbiamo provato a salvare l'eleganza e la semplicità in tutti i particolari. Non è stato facile perchè quando si tratta di matrimonio ti spremono fino all'ultimo. Il fotografo è stato mio zio, la 'regista' del video un'altra mia amica, le bomboniere non le abbiamo fatte, tutta la decorazione floreale l'ha fatta un'amica di mia mamma, il trucco una mia amica e cosí via. Ma più di tutto mi ha aiutato la mia famiglia. Ognuno di loro ha fatto qualcosa, chi si é occupato della macchina, chi dei canti, chi delle fedi, chi degli accompagnamenti degli ospiti... Insomma, é stato un matrimonio veramente familiare. La cosa che ho apprezzato di più è stato il power point che ci hanno fatto gli amici e i fratelli e che hanno proiettato quel giorno. Un bellissimo ricordo!

Abbiamo cercato di curare la cerimonia religiosa il piú possibile, scegliendo accuratamente le letture, preparando personalmente i libretti della S. Messa, cercando di creare un clima di silenzio e raccoglimento ma pieno di gioia. Hanno cantato tre delle mie sorelle e questo é quello che più mi ha commossa. Ecco perché piú di tutto mi ricordo questo momento...


8 commenti:

  1. tantissimi auguri! complimenti per tutto...per il vestito che è meraviglioso nella sua semplicità, per l'acconciatura e tutti i particolari che hai descritto! baci

    RispondiElimina
  2. deve essere stato un bellissimo matrimonio, preparato con tanta cura...auguri per il vostro anniversario!

    (sono nella tua stessa situazione per le scarpe: "Va beh, costano una barca di soldi ma potrò rimetterle facilmente...". Le ultime parole famose!)

    RispondiElimina
  3. ma che bella sposa...semplice e raffinata!

    anch'io ho scelto un stile così :)

    buon anniversario!!!

    RispondiElimina
  4. E'stato un matrimonio che tutti si ricordano allegro e pieno di gioia!
    E tutti coloro che hanno partecipato famiglia, parenti e amici hanno contribuito a renderlo speciale regalando un loro "talento" che ha reso tutto davvero speciale!
    Auguri sorellina!!!
    Un abbraccio forte!

    RispondiElimina
  5. Anche il nostro stile è stato molto simile.
    Però ho fatto tutto in un mese e mezzo (a parte il vestito che avevo preso ad aprile per sposarmi a ottobre).
    Ed è stato un successo.

    RispondiElimina
  6. Che bello!!!
    Adoro i matrimoni.
    Il vestito è bellissimo...anche il post...curato nei dettagli.
    Brava!!!
    E'stato sicuramente un matrimonio bellissimo.

    RispondiElimina
  7. Grazie!!
    roccia: un mese e mezzo??? complimentoni, io non ce l'avrei mai fatta!

    RispondiElimina
  8. davvero meraviglioso il vestito!
    mammasidiventa.ilcannocchiale.it

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails