mercoledì 25 agosto 2010

Diario di una vacanza

Siamo stati vicino a Positano in Campania, un posto veramente meraviglioso! Ci siamo allogiati in un villaggio che contempla varie possibilità (appartamenti, bungalow, tende, roulotte e camper, ecc). Mr. F., io, Memole e mia mamma siamo stati in un bilocale mentre gli altri hanno fatto vita da campeggiatori.

Devo dire che é stata una vacanza stimolante e riposante, merito anche dell'animazione che quest'anno era molto carica e ci ha offerto diverse possibilità: tornei di carte (scopone, tre sette, briscola etc.), tornei sportivi (volley, bocce, freccette), balli di gruppo, acqua gym, spettacoli serali, karaoke e baby club (a cui Memole non ha potuto partecipare per l'età). Ovviamente Mr. F. si è iscritto a tutto (ha anche sorprendentemente ballato il waka waka e la baby dance) ed al pacchetto ha aggiunto attività che non possono mancare: risiko e go-kart.

Noi due siamo riusciti a fare una gita in barca in perlustrazione delle grotte del posto (muniti di mashera d'immersione) ed una serata romantica al ristorante. Il tutto condito dalle feste paesane che cadevano proprio in quei giorni e che ci hanno regalato serate di fuochi d'artificio sul mare e simpatiche bancarelle.





Memole si è quasi riappacificata con l'acqua. L'esperienza dell'anno scorso era stata difficile. Ha avuto paura fin dall'inizio e solo gli ultimi giorni ha potuto fare il bagno nella sua tartaruga-salvagente ed a giocare sul bagnoasciuga (che era più asciuga che bagno). Quest'anno la tartaruga è stata ben accolta ed allora siamo passati (con grande pazienza della nonna) alle fasi successive: tavoletta e braccioli. Devo ammettere che i risultati sono stati inaspettati. Gli ultimi giorni é stata felice di poter nuotare da sola ed in piscina faceva anche dei tuffi dal bordo andando un pò sott'acqua senza piangere.






Io mi sono fatta delle bellissime dormite pomeridiane, delle mangiate indimenticabili (i due KG che avevo perso sono tornati a trovarmi...carini!!), un pò di shopping (pantaloni tipo Aladdin che ho combinato con una maglietta lasciatami da mia sorella che mi ha fatto sentire gggggiovane) e...sole, sole, sole (perdonatemi l'autoscatto ma sono la tipica fotografa a cui nessuno fa una foto...). 

Ecco, non immaginatemi nera. Per la mia pelle è impossibile. I miei bagni solari sono accompagnati da lunghi rituali di spalmamento crema protezione 30 come minimo. E dopo due settimane di mare mia suocera ha detto che non sembravo nemmeno abbronzata. L'ho odiata ma francamente non ha tutti i torti...sgrunt. 


È la prima vacanza che posso chiamare con questo nome dal viaggio di nozze. L'indipendenza di Memole e la presenza della mia famiglia mi ha permesso di riacquistare un pò di autonomia e di sentirmi lontana dal lavoro e dalle cose di sempre. 








Memole è cresciuta molto assieme agli altri. Abbiamo anticipato il festeggiamento del suo compleanno per poter esserci tutti e lei era molto contenta.


Mi mancano già le vacanze. Ma devo ammettere che é stata una bella ricarica per quest'anno che si prospetta pieno di novità.

sabato 21 agosto 2010

Dos añitos

Sei nata alle 9.37 della mattina con l'ostinazione che ti caratterizza. Hai stabilito che la posizione del loto era ideale per affacciarti a questo mondo e i medici sono stati costretti a tatuare un "sorriso permanente" nella parte bassa della pancia della mamma.
Quando ti ho vista per la prima volta ricordo di essere rimasta incantata dai tuoi grandi occhietti leggermente a mandorla, dalla tua bocca a cuoricino, dalle tue manine stropicciate e dai tuoi piedini lunghi e magri.


A un anno a malapena ti reggevi in piedi, chiacchieravi in Aramaico invocando Allah (aldacadacaddaalla) e dicevi ripetutamente NO.



video


Oggi sono due anni, piccola nostra. Fai molti discorsi in cui si possono interpretare un numero indefinito di parole in pseudoitaliano o pseudospagnolo (secondo le circostanze). Sei allegra e simpatica, affettuosa e ostinata, obbediente e testarda. Hai una grandissima passione per le scarpe (brutto segno...). Sei italiana inside: ti piace la pasta in tutte le sue forme e dimensioni e specialmente i tortellini, gli gnocchi, le lasagne, il ragù. Ovviamente non disdegni nemmeno la pizza. Ti piace ballare ogni tipo di musica anche se per pochi secondi, però devo ammettere che hai ritmo!
Amiamo quella soffice nuvoletta di ricciolini biondi in cui affondiamo le mani, il modo in cui ci corri incontro e ci abbracci quando torniamo a casa, le tue risate incontenibili, la tua bocca rettangolare quando piangi e il labbro tremulo. Hai cambiato ogni minuto della nostra vita riempiendola di te. Mamma e papà.






mercoledì 18 agosto 2010

Eccoci!!!

L'altro ieri siamo atterrati (in tutti i sensi) nella nostra terra adottiva. Il ritorno è stato un misto di sensazioni malinconiche e felici, proprio come avevo descritto un anno fa.

A grande richiesta è arrivato il momento di raccontarvi il nostro carramba che sorpresa! con Memole. Io in aereo ero già ansiosa e morivo dalla voglia di vederla.  Mentalmente (e non) mandavo accidenti a quelli della ryan per aver accumulato quasi un'ora di ritardo. Il delirio è stato  l'attesa dei bagagli. Non ce la facevo davvero più. Poi il messaggio di mia mamma. Passa a prendermi mia sorella...ah, niente Memole, vabbè, in fondo è ora del riposino. Mr. F. prova a farmene una ragione. Usciamo e aspettiamo ancora. Potrei morire d'asma. Poi eccolo, vedo il mitico pulmino e capisco che ci sono tutti, forse anche lei. Bypasso i miei fratelli e mi dirigo verso il suo seggiolino. A lei non era stato detto nulla. Mi vede. Mi mette a fuoco. Dopo un paio di secondi dice Mamma! (in italiano). Cerca di slacciarsi le cinture, mia sorella l'aiuta e vola in braccio da me. Fa una faccia con il musettino da pianto (quello che mi fa impazzire) ma riesce a trattenere le lacrime. Non può crederci e mi tocca ripetutamente il viso. Scoppia dall'emozione. 

Poi comincia a passare dalle lacrime trattenute alle risate incontenibili. Vede anche papà e passa tutto il viaggio in pulmino dicendo mamma papà indicandoci come volendo presentarci a tutti mentre dichiara fiera che siamo i suoi genitori. Com'è cresciuta, è una donnina indipendente. Parla!!! È indescrivibile la quantità di parole che pronuncia (in italiano) e abbozza anche qualche frase. Ripete meticolosamente tutto quello che le diciamo (non sempre i risultati sono eccellenti eheheh) ed è quasi ma dico solo quasi spannolinata (in realtà so che c'è ancora un pò di strada da fare, vi farò sapere).

Io ero al settimo cielo. Che bello poter sbaciucchiarla e ritrovarla così grande, allegra, autonoma, simpatica! Ha imparato (quasi) tutti i nomi dei miei fratelli e ha costruito con ognuno di loro un rapporto speciale!

Le vacanze sono state bellissimamente stupende. Vi lascio qualche foto che parlano da sole (alcune delle quali scattate dalla zia I.) ripromettendovi un post più dettagliato. Ben ritrovati!!




Related Posts with Thumbnails