lunedì 7 febbraio 2011

Ikea: l'epilogo

Dopo la prima tragica puntata all'Ikea, e soprattutto grazie ai vostri apprezzatissimi commenti che mi hanno svelato il segreto di ogni tavolo, mi sono convinta che il danno non era poi tanto grave e che avrei trovato una maniera creativa per sistemare l'ingiusto danno.
Ma Mr. F. non è come me. Il suo motto è "le cose vanno fatte bene" (il mio è "le cose vanno fatte", poi se riesci a farle anche bene meglio) e gli era rimasto in bocca il sapore amaro di una sconfitta (sì, lui la vive così), di una cosa non terminata. Quindi aleggiava nell'aria la malsana idea di tornare a reclamare i nostri diritti di consumatori. Anche se un vicino ci aveva rassicurato che all'Ikea ci saremmo comunque dovuti tornare per una cosa o per l'altra, e che avevamo a disposizione novanta giorni per reclamare. Per questo motivo consigliava di prenderci le cose con calma.

La situazione non piaceva molto a Mr. F. che stavo difficilmente trattenendo dall'idea di smontare il tavolo in quattro e quattr'otto e correre all'Ikea seduta stante.

Giovedì arrivano i restanti mobili. E cosa c'era tra mobili inviati??? ok, avete indovinato, la seconda parte del tavolo MARRONE (che avevano assicurato non esserci tra i mobili da spedire quando Mr. F. era tornato a reclamare la seconda volta). Vabbè, pensiamo, poco male, se mai ritorniamo all'Ikea lo restituiamo altrimenti ci inventiamo qualcosa per riutilizzare quattro gambe di tavolo marroni (cosa poi??? la mia creatività non fa scintille).

Giovedì sera, all'arrivo dal lavoro di Mr. F., inizia il laboratorio di montaggio. E qui si potrebbe scrivere un manuale intitolato "dimmi come costruisci i mobili dell'ikea e ti dirò chi sei". Mr. F. misura lo spazio necessario di cui ha bisogno, prende la valigetta degli attrezzi e recluta l'esercito di cui ha bisogno, apre meticolosamente il cartone senza romperlo in nessun punto, tira fuori le istruzioni, vede quanti punti sono e calcola il tempo che ci metterà a montare, tira fuori viti e bulloni e li separa per genere. Li conta e controlla che il numero corrisponda alla realtà. Comincia a costruire con estrema concentrazione e seguendo tutto punto per punto (non senza mandare qualche nome ogni tanto), non si muove dalla postazione fino a quando non ha finito TUTTO. Tutto vuol dire TUTTI i mobili che ci hanno mandato. Preferisce non mangiare, non dormire, non andare in bagno, piuttosto che vedere cose in giro non montate alla perfezione.

Io prendo la scatola dell'Ikea. Con fatica la ribalto nell'unico posto dove posso arrivare con un simile peso. Apro il cartone ermeticamente sigillato con colla. Prima con il coltello, poi con le forbici, poi con le unghie e poi con i denti. Intorno a me solo coriandoli di cartone. Il posto è minuscolo ma comincio a spargere pezzi dovunque. Rovescio per terra bulloni e attrezzi in un unico montoncino e li pesco all'occorrenza. Seguo le istruzioni a grandi linee facendomi guidare dall'intuizione. Ogni mezz'oretta mi concedo un break, una puntata al pc, uno snack in frigo, un pisolino. Se i bulloni non entrano smartello, se i pezzi non si assemblano mi ci siedo sopra, se una vite avanza la metto da parte come pezzo di ricambio.

Per essere sincera ho dovuto montare uno sgabello tre volte. Però Mr. F. ha fatto un errore che se non fossi intervenuta io con i mie duri metodi (prendi la chiave inglese, fai un buco e tira fuori le viti con la tenaglia) sarebbe stato irrecuperabile (e Mr. F. si sarebbe senz'altro suicidato).

Comunque, dicevo. Dopo che Mr. F. mi ha più o meno trascinato nella maratona della costruzione arriviamo all'ultimo pezzo: il divano (era mezzanotte). Io dico che mi rifiuto di farlo, Mr. F. dice che fa da solo. Quando prendiamo lo scatolone (perchè alla fine mi fa pena lasciarlo lavorare da solo) vediamo che i cari signori del trasporto avevano fatto un buco enorme. Brutto presentimento. Apriamo tutto e cosa scopriamo??? Che manca il sacchetto con tutti i bulloni e le istruzioni di montaggio!!!!!!!!!!!

A quel punto l'OVVIA decisione è stata che avremmo sacrificato un altro sabato per andare all'ikea, restituire la parte di tavolo in più, farci dare il tavolo nuovo e...chiedere i bulloni e le istruzioni di montaggio del divano. Affittiamo il seggiolino auto (gli scatoloni non sono ancora arrivati. Per un errore sono a New York. Chissà se mai li riceveremo....) e rifacciamo la nostra gita.

Al bancone restituzioni Mr. F. fa uno sforzo immane per spiegare la storia del tavolo. Per cambiare il tavolo sfregiato ci chiedono lo scontrino, ovviamente. Mr. F. tira fuori lo scontrino del primo acquisto,  lo scontrino del cambio e....manca lo scontrino che dimostra l'acquisto del secondo tavolo (nero). Mr. F. sbianca. Io divento verde. Per la seconda volta in una settimana evitiamo il matrimonicidio. Scarico la mia rabbia sul malacapitato commesso e impreco in italiano, in spagnolo, poi forse anche in giapponese contro il poveretto (il linguaggio verbale e non verbale non ha confini quando si è arrabbiati). Niente da fare. Senza lo scontrino giusto non ce lo cambiano. Per lo meno ci danno i bulloni del divano (che montiamo sabato notte).

Morale, Domenica mattina presto, Mr. F. (per autopunirsi della sua dimenticanza, dice) prende lo scontrino (questa volta quello giusto) e torna all'Ikea per la quarta volta in due settimane (chi mi dice che è un santo, sì lo è). Appena tornato con il nuovo tavolo (aperto e controllato all'ikea) lo monta (alle 4 di pomeriggio senza nemmeno aver pranzato).

Ed abbiamo un bellissimo ed immacolato (anche se nero) tavolo. Oltre che avere un comodissimo divano. E la casa montata.
E spero che sia l'ultimo capitolo ikea.

13 commenti:

  1. meg sono la prima a lasciare un commento al tuo post...non ti smentisci mai!anche se me l'avevi già raccontata ieri sera mi sono comunque venute le lacrime dal ridere!
    ma dove lo trovi un cognato così?ti devo spedire M. per fargli fare un pò di pratica di pazienza con il tuo uomo!
    P.S. oggi è stato spassosissimo quando ero in biblioteca perchè mi sono dimenticata di mettere gli auricolari e quando mi hai chiamata con skype è risuonata in tutta la sala silenziosa la vocina di memole: "billa billaaaa!!!!" che ridere..
    ti mando un bacio grande a te e agli altri due!

    tia Badda

    RispondiElimina
  2. Accidenti che odissea!! Penso che non metterete più piede in Ikea vita natural durante..

    RispondiElimina
  3. Maggie, di santi ce ne sono due in casa vostra...tu e tuo marito...Memole probabilmente lo sarà più in là.
    L'Ikea è veramente un banco di prova... io ci ho arredato tutta la mansarda, ma la tavernetta me la son fatta montare dai montatori perchè non ne potevo più...ed anche perchè la cucina era un'impresa al di sopra delle mie possibilità... indi per cui, vi devo fare i complimenti...siete ammirevoli.
    Ora godetevi la vostra bellissima casa e smaltite la fatica che vi è costata e state lontani, almeno per un pò, dall'Ikea.
    Un gran bacio a te e a Memole e una felice settimana

    RispondiElimina
  4. Gulp... che avventura! Spero che ora fili tutto liscio per un po'! Molto divertente la descrizione dei diversi tipi di persone che montano mobili ikea :-)
    Io sono come te! Sparpaglio tutto, leggo metà delle istruzioni e mi capita di smontare e rifare da capo. Ciao!

    RispondiElimina
  5. Io mi sarei sparata. Non senza portare con me una decina di commessi IKEA.
    Vi stimo un sacco.
    Ma le foto?!!?

    RispondiElimina
  6. Io non ho un ikea vicino a casa, perdonate l'ignoranza.
    Ma davvero i loro prezzi valgono tutta questa sofferenza?

    RispondiElimina
  7. come vi capisco!

    aahahahahahah però che ridere...

    RispondiElimina
  8. io ci sarei dovuta andare nel fine settimana ma dopo questi due post... mi affido ad un architetto e faccio far atutto a lui anche perchè se mi dovesse succedere un quarto di quello che è successo a te mi separo veramente....

    RispondiElimina
  9. NO ecco parliamone!!!
    MisterF è troppo,però mi sa che te hai una suuuper pazienza!!!
    sarà che in questi momenti di nervosismo io mi agito troppo...che dire,gli avrei dato una cacciavitata in testa e poi avrei tentato di dare fuoco all'ikea!!!!:D
    Però complimetoni a voi che avete gestito tutto meravigliosamente e che mi avete fatto veramente sorridere!!!
    :DD

    RispondiElimina
  10. Hehehehe...scusami, ma il tuo post faceva morire dal ridere...per fortuna tutto è bene quel che finisce bene!!!!!!!!!!
    Adesso metti le foto dei mobili nuovi!!!!!!

    RispondiElimina
  11. tia badda: La pignolerei di Mr. F. è nel sangue. Non si può acquisire.

    zicin: ti assicuro che se Memole non lo è già è sulla buona strada. A me invece ne manca molta.

    Pollon: qualcuno che monta l'ikea come me? che sollievo!

    roccia: non abbiamo ancora il porto per la pistola :)

    slela: nonostante tutto devo dire...si vale, anche perche normalmente non dovrebbero succedere queste cose. l'ikea è veramente moooolto economica ed ha soluzioni interessanti che non si trovano in altri posti. pensa che per arredare TUTTO (dico tutto, anche la zona gioco memole, i materassi, il divano, libreria, tavoli, letto matrioniale, comodini, tende, luci ..avremmo speso 1800 euro (qui l'ikea è anche abbastanza piu economica dell'italia).

    distrattamente: ma se ko facevo fuori che mi avrebbe montato tutto????

    anonimo (esther??): quando saranno montate le luci e le tende posto le foto!!

    RispondiElimina
  12. maggie, io sono tua discepola per quanto riguarda il montaggio mobili ikea...col risultato che oggi Pierrot ha sfondato una seggiolina , praticamnente l'unico mobile che avevo montato io - in tre ore, facendo una fatica pazzesca
    H ha valutato il danno e l'ha aggiustata in cinque minuti
    che fastidio!!!

    RispondiElimina
  13. Tutto questo da parte di Mr F. è molto zen!

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails