giovedì 12 maggio 2011

Fare la spesa negli USA


Le prime volte PANICO. Nei supermercati puoi trovare articoli di caccia e pesca, macchinette per depilarti, biciclette, culle, 500 tipi di taniche di latte diversi che fanno compagnia ai mille tipi di pizza congelati, vestiti 0-100, vitamine, ibuprofeno, sciroppo, test di gravidanza. Insomma TUTTO. A me veniva un esaurimento nervoso e un senso di smarrimento. Poi inizi a capirci qualcosa e tutto sommato ti piace.

Prima di tutto: questi supermercati sono aperti 7 giorni alla settimana 24 ore al giorno. Sono muniti di carrelli ultramegagiganti con anche la versione carrelloconlaformadimacchina per i bambini piccoli o carrellomini per bambini similMemole con la smania di fare la spesa. Poi ecco, in una catena specifica c'è...il Paradiso. Una sala giochi ultra attrezzata dove puoi lasciare GRATUITAMENTE il tuo bambino fino a 2 ore. Cioè, roba da farci i pellegrinaggi tutti i giorni solo per comprare il pane!

Per me é diventato meglio di uno SPA e peggio di una droga. Arrivo, mollo Memole (lei felice contenta stra-contenta) e mi tuffo in una rilassante compera senza maritoiperattivo e figliavogliotutto soffermandomi a lungo tra le mille tipologie di creme per viso, mani, unghie, piedi e il reparto the e dolciumi. Ma la cosa più bella é arrivare alla cassa. Prima di tutto non ci sono MAI file. Se ci sono più di tre persone davanti a te aprono un'altra cassa. Appena sono riuscita a decifrare quello che dicono e ad imparare le risposte preconfezionate mi sono sentita padrona del supermercato. In ordine ti chiedono se sei riuscita a trovare tutto quello che cercavi e se sei soddisfatta, se vuoi il sacchetto di plastica o di cartone (sí, quello che si vede nei film, soprattutto in Desperate Housewife), se, pagando con la carta di credito, vuoi il resto (cosa che non capivamo all'inizio), se vuoi che il pollo arrosto te lo mettano in un sacchetto di plastica per non ungere. In tutto questo ci sono gli addetti a fare i sacchetti.

Cioè, avete mai provato l'ansia da prestazione nel momento in cui siete alla cassa e avete la borsa da una parte, la carta di credito dall'altra, un fascio di buoni sconto con data di scadenza non identificata, la bambina che cerchi di tenere con un piede e con l'altro piede cerchi di mettere la compera sulla cassa da una parte mentre simultaneamente, con le dita libere fai uno zompo atletico dall'altra parte della cassa per aprire i maledetti sacchetti di plastica e organizzarli per genere mentre dietro gli altri aspettano spazientiti???

Ecco, io adoro quelli che di professione si dedicano a fare i sacchetti. E a volte mi sento in imbarazzo quando, con tutto questo servizio, devo semplicemente far passare la carta e fare una firma. E aspettare. Con le mani in mano. La ciliegina sulla torta? "Signora, vuole che qualcuno la accompagni per caricare la spesa in macchina?". Ecco, questo ci abbiamo messo un pò a capirlo. Perché non ci potevamo credere. La prossima volta chiedo un massaggio ai piedi. Magari è incluso!

A volte mi sembra di vivere in Truman Show e quasi non voglio sapere dove sia il trucco. Il fatto è che in Italia (e in Spagna) non siamo abituati né a tutto questo servizio né tantomeno alla cortesia. Le persone non ti guardano negli occhi, non ti chiedono come stai, non ti sorridono. Passano freddamente la spesa alla cassa e sperano di finire presto. Purtroppo si perde l'abitudine ad essere trattati bene.

19 commenti:

  1. quasi quasi mi trasferisco anch'io...

    RispondiElimina
  2. E' davvero un paradiso questo supermercato. Beh, chiamarlo supermercato mi pare riduttivo :-)

    RispondiElimina
  3. Pensa che, secondo me, nell'immginario comune l'idea è opposta. Si crede che in un paese grande come l'America ci sia meno attenzione alla persona e che quindi tutto sommato si viva meglio in un paese piccolo come il nostro. Certo probabilmente ci sarà anche una formazione del personale finalizzata a far tornare il cliente e non è proprio tutta farina del proprio sacco ma poco importa se il risultato è quello di far stare bene una persona! Io, credimi, a volte non ritorno in un negozio (nonostante possa servirmi qualcosa che vendono proprio lì) solo perchè hanno dimenticato di sfoggiare un minimo, semplice sorriso!

    RispondiElimina
  4. Noooo... il supermercato dei miei sogni!! pensa che io per paura di far spazientire cassiere e persone in fila ributto tutto nel carrello, e una volta arrivata alla macchina metto tutto nelle buste che mi porto da casa, con calma e senza nessuno che mi sbuffi dietro!! é proprio vero, al meglio ci si abitua semrpe volentieri!!

    RispondiElimina
  5. ma veramente c'è qualcuno che ti ripone la spesa nei sacchetti e ti aiuta a caricarla in macchina????

    dammi un pizzicotto? ahiiiii

    ma veramente?!

    già ti invidio (scherzo)

    per il resto qui nella moderna provincia di milano abbiamo tutto : baby parking e carrellini baby inclusi per la felicità di Ariel e spero presto anche del piccolino.

    baciuzzi

    RispondiElimina
  6. Senti scusa ma io finalmente posso fare a qualcuno una domanda che mi sono sempre posta: dice che ti chiedono se vuoi la busta o il sacchetto. Suppongo e dico suppongo che la differenza stia nella biodegradabilità, giusto? Però sto sacchetto senza manici NON E' SCOMODO??? Ma con bimbi al seguito come si fa a portare la spesa? E, se la motivazione (giustissima) è correlata all'ambiente, due manici a sti sacchetti non si possono mettere? Scusa ma sono anni che me lo domando!!!!
    Ps. chissà, in questo momento tu starai tornando dalla spesa mentre qui si dorme da un pezzo!! :D

    RispondiElimina
  7. Ciao ti ho trovata per casa e´ ti ho aggiunta nei link degli italiani expat :P
    La cortesia delle cassiere e dei addetti a tutto :)) ce´ anche qui in Germania a volte da buon italiana da un po´ fastidio dipende dai giorni ^^

    RispondiElimina
  8. Ciao,
    mi piace leggerti, ti ho linkato.
    Un saluto.

    Francesca.

    RispondiElimina
  9. Ciao Maggie! SEnti per favore mi puoi dire che catena di supermercati è quella che ti tiene i bambini gratuitamente????
    No perchè qui a Las Vegas mi manca. Per il resto mi è venuto da ridere, perchè è vero. Soprattutto al primo rientro in Italia ho fatto subito la figura della cretina perchè ero lì bella tranquilla con la spesa che mi si accumulava aspettando che qualcuno me la mettesse nei sacchetti....embè questa è una cosa meravigliosa qui!!!

    RispondiElimina
  10. Sono troppo avanti o noi invece che siamo indietro???

    RispondiElimina
  11. che meraviglia .... ho sognato un posto così proprio sabato quando alla cassa dopo tutta la tua descizione giustissima ha pure squillato il cellulare.... che dire? un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Che bello !!!!!! Quasi quasi vengo a fare la spesa lì da te !
    Pensa che qui da noi adesso al supermercato fai tutto da sola anche segnare il costo dei prodotti con la speciale macchinetta segnatempo che poi passi alla cassa così la cassiera non passa tutti i prodotti ad uno ad uno ma solo la tua macchinetta segnatempo che legge i codici a barre......E poi il baby parking.....non ha prezzo !!! America batte Italia uno a zero.

    RispondiElimina
  13. Una domanda: la mancia la lasci?
    Che spesso gli italiani non lo fanno, ma ci sono lavori in cui e' solito lasciarla. Non so se accompagnarti alla macchina con i sacchetti rientri in questo, ma ad occhio mi sembra di si'.

    La ragione e' che chi lavora (di sicuro, vale l'esempio dei camerieri nei ristoranti, fast food, etc) e' che e' pagato molto poco, e la consuetudine e' che la maggior parte dei proventi gli viene dalla mancia dei clienti che sono soddisfatti del trattamento. Non lasciare mancia significa dire implicitamente: "Mi sono sentito trattato male, non ti do' nulla".

    Io, a dire il vero, non ho nessuna esperienza americana ma in altri stati d'Europa la mancia e' consuetudine (in alcuni casi) e gli italiani sono sempre i soliti che non lasciano nulla (proprio perche' in Italia non e' consuetudine). Io pure, nell'ignoranza, ho fatto piu' volte cosi'!

    Informati se puoi... credo che alla cassiera del supermercato non si debba lasciare nulla, ma se qualcuno di aiuta a portare le borse forse si aspetta una piccola mancia (quanto sia la consistenza della mancia non te lo so dire: chiedi a qualche "indigeno")

    RispondiElimina
  14. decisamente rilassante, no?

    se passi da me c'è una cosina per te!
    ;)

    RispondiElimina
  15. la mancia di solito dovrebbe essere intorno al dollaro per sacchetto, ma non è obbligatorio.
    alla cassiera assolutamente non si lascia niente e la storia della mancia qui in America è molto complicata anche se rispetta delle regole non-dette ben precise!

    http://worldwidemom.blogspot.com/2010/03/arriva-il-contoe-la-mancia.html

    CIAO!!

    RispondiElimina
  16. Kiarte: guarda, a me in generale ha stupito la cortesia che c'é qui e non parlo solo di posti dove sei cliente. Dicono che sia una speciale caratteristica dei Minnesotiani ma anche che in generale negli USA sono cosí cortesi (o siamo noi troppo scorbutici??). A me non interessa per cosa lo facciano, la cortesia fa sempre piacere e invoglia a tornare. Per i sacchetti: io mi facevo la stessa domanda ma ti assicuro che quelli di cartone hanno i manici. Non so perchè nei film si vede sempre che li portano a mano. Un pò pittoresco, no?

    Rossella: ah, ma allora siete avanti!

    Princesse: ti capisco perfettamente, anche a me é successo spesso. Per esempio io preferivo rimanere con il frigo vuoto piuttosto che fare la spesa senza Mr. F. proprio per "l'ansia da cassa".

    Wanesia: eh, ma allora siamo proprio noi! a me non da fastidio, a volte mi stupisce perché non me lo aspetto!

    Francy: benvenuta!

    WWM: che bello trovarti qui! la catena é HYVEE. in questa (microscopica) città ce ne sono due. Ha i prezzi un pochino più alti ma offre molta varietà di prodotti (anche italiani) e per celiaci (mio marito lo é). che ridere la scena del tuo ritorno in italia. A me qui il contrario, cercavo di fare i sacchetti e non mi lasciavano mentre mi guardavano storto!

    Ruben: o tutti e due???

    Mammanonlosa: che inkubo!

    Esther: l'ultima volta che sono tornata in italia ho visto anche le casse fai da te. Certo, é l'apice dell'individualismo....finalmente una volta che ho un'esperienza nuova rispetto alle tue, ahahahah :)

    Makdarlo: ecco, tocchi un argomento complicato per noi italiani come scrive WWM. Noi prima di arrivare ci siamo informati su quest'usanza per non fare brutte figuracce. Su quello che ti aiuta con la spesa per me era veramente troppo e ho sempre detto di no. Mi sarei sentita deficiente. Però non effettivamente non avevo pensato alla mancia. Dove siete?? non sono riuscita a sapere nulla e vedo il blog chiuso. Tutto bene? In bocca al lupo!

    Valepi: grazie!

    RispondiElimina
  17. Che meraviglia. Piacerebbe anche a me un supermercato così...almeno andrei a fare la spesa con i bimbi tranquilla, senza la consapevolezza che una volta arrivati alla cassa loro fuggono sulle giostrine lasciandomi sola a pregare che non gli accada nulla!!!
    Nei miei sogni quello è il mio super ideale!

    RispondiElimina
  18. bellissimo!!! siamo troppo arretrati mannaggia!!
    bello il tuo blog! giornata

    buona

    RispondiElimina
  19. sono tre anni che vivo in USA, e confermo al 100 % cio' che c'e' scritto nel post!!
    Noi in Italia non e' che siamo arretrati, ma abbiamo perso l'educazione. Noi che con i romani l'abbiamo esportata!! Mi dispiace solo che fra qualche mese dovro' tornare nel caos italico!

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails