venerdì 24 giugno 2011

Garage sale negli Usa


No, non si tratta della vendita di garage ma di un'iniziativa abbastanza frequente qui negli States. Con l'arrivo della bella stagione le persone fanno le "pulizie di Primavera" e aprono i loro garage mettendo in vendita le cose che non usano più. Normalmente questo mercatino dell'usato viene aperto nei fine settimana e gli annunci pubblicati sui giornali locali e sulla famosissima craigslist.

Tra gli oggetti in vendita si trova di tutto, da vestiti a giochi per bambini, ad apparati tecnologici, mobili, etc. Ovviamente si possono trovare ottime occasioni come tutto il contrario. Lo scorso fine settimana abbiamo fatto un giro per diversi di questi posti ed è una maniera divertente per scoprire nuovi luoghi della città. Per ora non ho trovato niente che valesse veramente la pena di essere comprato tranne una buona quantità di adesivi vintage ad un prezzo stracciatissimo per Memole che non ne può fare a meno. Ma non dispero e voglio continuare la ricerca.

Quando pensiamo agli Stati Uniti ci viene in mente la patria del consumismo. Se per alcuni aspetti è vero, per altri a me sembra di no. Di fatti non sono poche le iniziative per vendere cose di seconda mano, soprattutto quando si tratta di prodotti per bambini, destinati ad essere usati poco. C'è un negozio che si chiama Once upon a child, presente in molte città degli States, la cui missione consiste proprio nella compra-vendita di articoli per bambini. In più non sono pochi negozi di seconda mano per adulti.

Non mi sembra che in Italia e in Spagna sia cosí diffusa e ben accetta la politica della "seconda mano" almeno per la mia esperienza. A Pamplona ho per caso conosciuto un solo posto di compra-vendita di oggetti di seconda mano per bambini ma non funzionava nemmeno bene. Voi che esperienza avete? Siete favorevoli  a questo tipo di iniziative? Cosa siete disposte a comprare usato e cosa no?


9 commenti:

  1. mi piace questa iniziativa americana! è anche un modo per conoscere la gente del quartiere.
    A me piace molto comprare libri usati. ciao

    RispondiElimina
  2. Ti dirò, io sono per il riciclo al 100%!! Qualche mese fa ho proposto a mio marito di valutare l'idea di un negozio di articoli usati per bambini. Dal pantalone al passeggino. Ovviamente usato in buono stato e tutto obbligatoriamente sterilizzato. La mia proposta è stata bocciata a priori perchè "Mica sò tutti come te, la gente vuole cose nuove mica usate da altri!' Mah! Sarò io la deficiente ma a me sembra così inutile comprare il nuovo solo per dire che l'hai comprato nuovo!! Io 'uso l'usato' da sempre e non mi sento nè inferiore nè più sfigata di altri! O no???

    RispondiElimina
  3. So che anche in Australia è d'abitudine il garage sale... sarà una tradizione anglosassone? A me sembra un'ottima idea. Ho notato che spesso qui in Italia molti sono "schizzinosi" rispetto all'acquisto di cose di seconda mano. Io no... anche i vestiti... li lavi e sei a posto :-)

    RispondiElimina
  4. mammasorriso: libri usati?? trooooooppo belli!

    Mamma Clara: completamente d'accordo con te, e... purtroppo credo che una bella iniziativa come questa e simili forse non avrebbe storia in Italia...

    Ilaria: benvenuta!! non sapevo dell'Australia, che curioso! anch'io credo che in Italia siano (siamo??) molto schizzinosi...io se le cose sono messe bene non mi faccio alcun problema :)!!

    RispondiElimina
  5. reduce dalla vendita di immondizie nel giardino dello zio di mio marito, mi sono accaparrata per la modica cifra di 8 dollari una rana con amo e pesce al seguito carillon tratta da una illustrazione di Beatrix Potter, un frullino per frullare ancora non so cosa, una ciotola per l'insalata e botta di fortuna pazzesca una scatola di vimini che e' piu' che altro un tavolo, un giga contenitore un non so ancora cosa so solo che ora ce l'ho in mezzo ai piedi..io a queste cose non so resistere..e anche in Connecticut c'e' once upon a child e vende cose meravigliose tra cui una marea di completini Ralph Lauren, completini da sci e altre amenita'..baci cate

    RispondiElimina
  6. WOW!! nemmeno io so resistere :)!!!

    RispondiElimina
  7. La cultura del riciclo si sta diffondendo anche qui in Italia ormai, c' è sempre meno gente che fa la difficile. Io personalmente sono per il riuso e non ci vedo niente di male, anzi.

    RispondiElimina
  8. Io in un negozio dell'usato a Boston ho comprato giochi di società in perfetto stato a 3 dollari, incluso Trivial Pursuit... magari nuovi non li avrei neanche comprati, non è che fossero beni di prima necessità, però se consideri che Trivial in Italia costa 50-60 euro... Per tacere della montagna di libri che ho preso e spedito in Italia quando ancora c'era la tariffa scontata per materiale cartaceo da spedire per nave :-) Un altro ottimo canale è il marketplace di Amazon, non solo per libri, ci si trova di tutto e di più e spesso a prezzi irrisori, tipo tascabili a 1 centesimo... in pratica si paga solo la spedizione!

    RispondiElimina
  9. Noi, non avendo la villetta con giardino, ne abbiamo da poco creato uno online:
    http://riciclone.wordpress.com/

    Funzionerà ?

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails