lunedì 5 dicembre 2011

Calendario dell'Avvento-Presepe

Avevo già accennato in qualche post predente che qui negli States, per essere political correct, i festeggiamenti che hanno una tradizione religiosa vengono spogliati di quest'ultima e fatti diventare più che altro un fenomeno commerciale. Credo di non aver visto nemmeno un presepe in giro, né da comprare né in esposizione (nemmeno nella nostra parrocchia, ma voglio dargli un pò di altro tempo...). Non si può dire lo stesso riguardo agli eccessivi alberi di Natale e alle decorazioni luminose delle case che sfiorano il ridicolo.

Mi sembra molto triste siccome, per tradizione, in Italia (e in Spagna) il presepe è anche un'arte, oltre che un segno di Fede ed un'importante tradizione. E come è bello a Natale andare alla ricerca di presepi piccoli e grandi, di mostre, partecipare a gare o pensare ad un modo originale per costruirlo nella propria casa.

Nei miei ricordi e nella storia familiare è stato sempre vivo il senso religioso e le festività sono state preparate in ogni occasione con grande cura, sia dal punto di vista esteriore -nel caso del Natale il presepe, la casa addobbata e il vestito bello- sia dal punto di vista interiore -spiegare e vivere il senso delle feste, prepararsi con una bella e profonda confessione per ricevere Gesù in una casa pulita: la nostra anima-. Qualche anno fa parlavo delle nostre tradizioni familiari riguardo al Natale, ricordando come fosse importante costruire storie, tradizioni familiari, festeggiamenti speciali che sono come la cornice di una famiglia, un'importante àncora nei momenti bui che ci permette di rivivere l'importanza dell'attesa e la tenerezza dello stare insieme.

È quello che vorrei costruire nella nostra piccola famiglia in crescita. Memole è grandicella e comincia a capire. Conoscendo la laicità degli States ho comprato un bel libro per bambini che spiega la nascita di Gesù quando ero in Spagna e dentro agli scatoloni non poteva mancare il nostro presepe. Mia mamma mi ha dato un'idea per avvicinarci insieme a Memole a questo Natale preparando anche i nostri cuori. Appena avrò i mezzi per metterla in pratica ve ne parlerò. Inoltre questo Natale la nascita e l'attesa per noi sono ancora più reali per questa nuova vita che sta bussando a grandi colpi alla porta di casa nostra.

Sarà il mio primo Natale lontana dalla mia famiglia d'origine ed anche per questo lo stimolo è ancora più grande per cominciare a costruire una nostra storia.

Il tempo è poco e le forze ancora meno. Avrei voluto preparare un calendario dell'Avvento come si deve, sapete già che non sono la persona più indicata nella preparazione di oggetti handmade, ma ultimamente mi sento più ispirata. Malgrado l'ispirazione i limiti mi impediscono di realizzare quello che vorrei. Ho cercato quindi su internet un calendario dell'avvento che avesse come tema la Natività. Ed ho trovato questo.


L'ho subito comprato ma ho pensato che potrebbe essere un progetto fai da te per chi è più bravo di me e riesce a realizzare questi piccoli capolavori. Si tratta di un classico calendario dell'avvento nel quale invece di "regalini" ci sono le figure del presepe. Ogni giorno si aggiunge una figura che si applica nella parte in alto per formare la scena portante: la Natività. 

Ho pensato che fosse una bella idea per cercare di concretizzare l'idea un pò astratta per i bambini dell'arrivo di Gesù. Ed in senso metaforico in realtà Gesù arriva cosí, un pò progressivamente, preceduto da uno scenario che si prepara ad accoglierlo.

Con il tempo ho aggiunto delle varianti che hanno trasformato il calendario dell'Avvento in un'occasione per regalare tempo insieme





Sono nate anche idee per preparare i bambini al Natale facendo piccole opere buone.




Per chi fosse alla ricerca del fai da te, ci sono molti esempi in questo stile che si trovano.
Come questo:

ed un tutorial per fare questo:

Questo invece è più facile da fare siccome non bisogna "fabbricare" le figurine.




Intanto su internet ho ordinato anche pandoro (non sono amante del panettone) e cotechino. Prodotti impossibili da trovare nei normali store.

E voi? Quali sono le storie-tradizioni familiari che avete vissuto da piccoli o creato nelle vostre famiglie per festeggiare la Natività?

7 commenti:

  1. speciale post cara.. Amo da sempre il calendario dell'avvento, mi riempie di gioia ancora oggi a 22 anni.. scoprire quello che c'è dentro poi è una goduria! =D se poi è fatto da chi ti ama e ti conosce è davvero stupendo... un saluto affettuoso! Valeria

    RispondiElimina
  2. Anche noi calendario dell'avvento, anzi in realtà 3, uno per ciascuno. Un libricino che racconta la storia di gesù e poi racconti di mamma e papà di quando erano bimbi e partecipavano alla novena.
    Ogni anno aggiungiamo alla storia della nascita qualche particolare in più...ed è bello sentirli dire agli altri il perchè si festeggia in natale e non sentirli rispondenre "è la festa dei regali"

    RispondiElimina
  3. Per Gabri, il calendario dell'Avvento è... "papà mi dai il cioccolato!".Punto.
    Ieri però abbiamo fatto il presepe e l'albero di Natale: era molto contento. aveva la tentazione fortissima di prendere le palle dell'albero e mettersi a giocare a calcio (sti maschietti), ma alla fine, il referto, parla di una sola pallina piccola rotta -neanche per colpa sua-.
    Ottima idea quella del calendario dell'avvento: può essere anche un buono strumento per fare capire, alle persone che vengono a casa vostra, che il Natale per voi non è solo "Winter break" ma soprattutto la Nascita del Redentore.
    DAl punto di vista tradizioni familiari: ancora non ne abbiamo create. Quest'anno siamo partiti con la letterina a Gesù bambino per i regali. Vedremo gli anni prossimi.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Davvero una bella idea. Da noi il calendario dell'Avvento è tutto di legno con i cassettini che nascondono vari regalini. L'albero è vero e con addobbi speciali le palline di vetro e quelle della nonna, il primo addobbo comprato insieme, quello comprato in vacanza e così via....Il presepe è piccolo e etnico ( con statuette di origine russa che mi avevano regalato tanto tempo fà) ma pieno di angioletti.
    La sera della vigilia qui da noi si fà la zuppa di cavolo, le frittelle di bianchetti e ...la torta di riso : ecco la ricetta
    Ingredienti (per una teglia standard di quelle tonde)350 gr di riso (carnaroli, ribe, da torta insomma, 3 uova, 50 gr di parmigiano reggiano, 30gr di pecorino,Noce di burro, 40 grammi, 1 bicchiere di latte, Sale , e pasta sfoglia ( qui in Italia al supermercato esiste anche senza glutine). Stendi la sfoglia, bolli il riso in acqua bollente salata,e toglilo prima che sia cotto (mordendo il chicco si deve sentire un po’ la “madre”, un po’ del cuore ancora duro) e lascialo raffreddare. Una volta freddo lo metti in una ciotola e aggiungi le uova, il parmigiano, il pecorino,il latte, il burro . Io aggiungo anche un po' di noce moscata- Mescoli il tutto, regoli di sale- Versi il tutto nella sfoglia e metti in forno a 200 gradi per 35 minuti. Controlla la cottura con uno stuzzicadenti. Dipende anche dal diametro della teglia. La puoi mangiare, calda, fredda come vuoi ( a me piace anche “posata” il giorno dopo !
    P.S. le visite mediche continuano ....speriamo nella tregua natalizia

    RispondiElimina
  5. Anche noi abbiamo calendario dell'avvento, presepe e albero. Prepariamo anche la corona di candele per l'Avvento e la accendiamo la sera prima di andare a letto mentre cantiamo una canzone di Natale insieme, cosi' intanto l'Anna ne impara un po'. Poi abbiamo una "scatola" speciale con dei libri a tema che tiriamo fuori solo a Natale. Sono in Inglese, se vuoi ti mando qualche titolo, certi sono stupendi anche solo per le illustrazioni... In mancanza del vero clima Natalizio fuori, almeno lo troviamo nei libri! L'Anna poi mi aiuta a cucinare nei miei esperimenti pre-Natalizi. Per esempio con Memole puoi fare i biscotti con le formine del presepe, ti posso scrivere dove le trovi.

    RispondiElimina
  6. che carino il calendario dell'avvento con le figure del presepe...
    ma natale lo festeggerete lì? sono curiosa di sapere come si svolge la cerimonia....

    baci

    RispondiElimina
  7. Io ne approfitto per mandarti un caloroso BUON NATALE a te e a tutta la tua famiglia.
    E una carezza alla pancina
    Lavì

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails