domenica 19 febbraio 2012

Tredici anni dopo...


Tredici anni dopo sono moglie di uno splendido uomo e mamma di due gioielli di bambine. Tredici anni dopo ho un dottorato negli studi dei miei sogni. Tredici anni dopo vivo in un posto che a quei tempi si poteva vedere solo sulle cartine e ho vissuto in un posto che è stata una meta importante nella nostra vita familiare.

Tredici anni dopo canticchio ancora alle mie figlie la ninna nanna della zanzara, e vedo in loro te. Tredici anni dopo sono ancora una volta lontana dalla mia famiglia e dalla Messa che ti ricorda.

Ma ci sono e so che ci sei. Perché il tempo non ha tempo per i ricordi, per chi ama.

Ciao papà

11 commenti:

  1. tienili stretti fortissimi, i ricordi. e i tredici anni passati e quelli a venire.
    un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. Sorellina, mi hai fatto piangere...questo e' il mio primo anno che non riesco ad esserci, per ricordarlo...tutti uniti, tutti insieme!

    RispondiElimina
  3. Mi hai fatto commuovere .....solo chi ha provato un grande dolore sà che non ci sono parole per poterlo consolare.....ma forse tu le hai trovate. Sono "solo" cinque anni nel mio caso che ho perso il mio papà....ma anch'io so che lui c'è ed è sempre accanto a me. Un abbraccio forte a te e alle tue spendide bambine.

    RispondiElimina
  4. cara,
    per mia fortuna non ho ancora vissuto momenti come quelli che avete affrontato tu e la tua famiglia, per cui non so cosa si provi e voglia dire trovarcisi!
    Posso dire però solo una cosa: ero al vostro matrimonio (2007?) e dal modo in cui tu, i tuoi fratelli e le tue sorelle ve la spassavate, l'affiatamento e il profondo amore che si respirava tra di voi, si palpava sensibilmente l'amore che legava tutti voi ed in primis tuo papà e tua mamma.
    Non si può generare una famiglia così bella -un focolare luminoso e allegro, SJM dixit- se i genitori non si amano fino alle midolla e lottano quotidianamente per volersi sempre più bene.
    Quindi nel giorno di tuo papà penso che il modo più bello per ricordarlo e ringraziarlo sia stringersi "come un pigna" attorno a vostra madre!
    E poi...
    Basta che se no mi commuovo anche io.

    Un caro abbraccio

    PS: gioco del destino,il generatore automatico di parole per l'autentificazione, tra le 2 parole mi ha scritto "morire"

    RispondiElimina
  5. Non si scappa, ci sono momenti in cui la mancanza è davvero più forte.

    RispondiElimina
  6. grazie a tutti, all'abbraccio che mi avete mandato e per condividere questi ricordi...

    RispondiElimina
  7. oh cara!

    che emozione!!!!

    io da 25 anni ho perso la mamma.

    e ai miei figli (anche se ormai adolescenti) canto ancora:
    c'era una zanzara
    in abito da sera
    se l'era messo per far bella figura

    un bacio

    RispondiElimina
  8. Grazie per aver condiviso con me questo ricordo. a me questa ninna nanna commuove ancora. (però ho scoperto la seconda strofa e ci sono rimasta malisssssimo!!).
    questo è per noi:
    http://www.youtube.com/watch?v=RvUZFGYKwGg

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails