domenica 10 maggio 2015

Decalogo della buona mamma

Un pò di anni fa avevo pubblicato il decalogo della buona madre nei tempi che furono (più di cent'anni fa). Spesso ho pensato a come potrebbe essere un decalogo per la mamma contemporanea. I miei quasi sette anni di esperienza (ancora pochini) mi hanno insegnato alcune cose.

1 Una buona mamma mette il marito al primo posto. Quando i figli atterrano nelle nostre vite, la relazione di coppia cambia. Nonostante questo, la cosa più importante dell'essere madre è essere prima di tutto una buona sposa, perché è così che si insegna ai figli la lezione più importante della vita: l'Amore. Allo stesso tempo l'amore coniugale è ciò che permette di affrontare con una corazza tutte le circostanze della vita. Alcuni piccoli consigli per coccolare il marito: sorridigli quando gli rispondi al telefono. Lui non lo potrà vedere, però lo sentirà. Inviagli messaggi d'amore. È curioso vedere che quando ci sposiamo, il tema delle comunicazioni nei messaggi di testo cambia radicalmente (qui un articolo interessante). Dagli un bacio tutte le volte che lo saluti prima di andare e un abbraccio stretto quando ritorna. Dagli la mano quando siete seduti accanto in macchina.

2 Una buona mamma ha una casa disordinata. Mia madre mi ha sempre detto: Prima le persone, poi le cose. È umanamente impossibile avere una casa impeccabile e una famiglia felice. Però è anche vero che una casa organizzata dà pace. È utile proporsi delle mete, per esempio mantenere i luoghi comuni  ordinati -come la cucina, il salotto e la sala da pranzo. L'organizzazione e la logica della casa -che ogni cosa abbia un suo posto- è fondamentale (un Urrà per Ikea). Se il tema della casa toglie la pace, bisognerà pensare a una signora delle pulizie. Di certo la spesa ci farà desistere dal prendere la decisione, però si deve considerare che è una spesa che vale la pena siccome ne beneficia la pace familiare.

3. Una buona mamma difende i propri spazi. Uno dei grandi difetti di noi mamme è lasciare che il mondo si appropri dei nostri spazi. Mi riferisco agli spazi nella casa, spazi di intimità nella coppia, spazi per lavorare, spazi per stare sola e coltivare le passioni, spazi per avere amici. Le tue necessità primarie vengono prima delle necessità secondarie degli altri. Organizza la casa in modo che tu possa sentire che c'è un posto tuo e difendilo. Il bagno è uno spazio privato e la tua camera anche! Chiudi la porta del bagno e fai in modo che non ci siano cose dei figli in camera tua. Conquista un tempo per te stessa, un "tempo di lusso", nel quale tu possa coltivare ciò che ti piace. Fai tutto quello che puoi per avere ogni tanto spazio per stare con tuo marito. Quando sei in casa, lavora nelle cose di casa mentre quando sei al lavoro lavora nelle cose del lavoro.

4. Una buona mamma si prende cura della comunicazione familiare. Consumare pasti con la propria famiglia è una delle migliori maniere per costruire la comunicazione familiare. Invece di chiedere "cosa hai fatto oggi?" prova con tre domande: 1 Dimmi la cosa più bella che ti è successa oggi. 2. Dimmi la cosa che meno ti è piaciuta oggi. 3, Dimmi una cosa buona che hai fatto oggi per gli altri. Questo gioco funziona con tutta la famiglia -i genitori sono tenuti a partecipare- dai tre fino ai 99 anni (come si dice nelle scatole dei giochi). Se lo provi per almeno una settimana vedrai che si trasformerà in un rituale al quale nessuno vorrà rinunciare!

5. Una buona mamma continua a realizzare i propri sogni. O li rimanda. L'arrivo dei figli cambia le priorità e i sogni. Uno dei più grandi desideri di tutte le mamme è che i figli siano felici. Però esistono altri sogni, magari più personali, che è giusto cercare di realizzare. A volte si tratta di rimandarli, a volte di realizzarli solo in parte o in maniera inaspettata. Però bisogna continuare a mantenere alcuni sogni che hanno che vedere con le nostre passioni e desideri.

6. Una buona mamma ha amiche. E non si compara con le altre. Anche se sembra che il marito e i figli riempiano tutto, noi donne continuiamo ad avere bisogno di buone amiche. Sono loro che vengono in nostro soccorso quando ne abbiamo bisogno e che sanno condividere momenti squisitamente femminili. Però ci sono alcuni pericoli tra amiche: la gelosia, le comparazioni, i giudizi, che ci fanno sentire migliori o peggiori degli altri. In tutte queste situazioni si esce comunque perdenti. Quindi è meglio riconoscere questi sentimenti e cercare di combatterli.

7. Una buona mamma da ai suoi figli ali e radici. Uno dei grandi obiettivi dell'educazione è di regalare ai figli delle fondamenta che possano dargli stabilità per tutta la vita. Allo stesso tempo queste fondamenta non devono impedire che il figlio possa volare. Si tratta di una tensione costante tra la dipendenza e la indipendenza, il volere che i nostri figli stiano vicini a noi -che siano come noi- e il lasciarli andare, sia fisicamente che psicologicamente. Noi madri abbiamo una propensione a voler creare dipendenza, anche se non lo ammettiamo. I papà hanno la capacità di aiutare le mamme perché i figli possano incontrare il proprio cammino.

8. Una buona mamma sa delegare. Dio ha creato la donna tanto simile a Lui, che le ha dato la capacità di saper fare tutto, anche nella modalità multitasking. Nonostante questo non siamo onnipotenti! Non solamente abbiamo bisogno dell'aiuto degli altri, ma chi ci sta intorno ha bisogno che noi gli lasciamo la possibilità di fare. Anche in maniera differente. Si tratta di tenere sotto controllo la nostra superbia per confidare negli altri con l'obiettivo che crescano nell'indipendenza e autostima. Si può iniziare a delegare con il marito!

9. Una buona mamma perdona i propri errori e quelli degli altri. Ma è indulgente con i propri difetti. A volte è più facile perdonare qualcosa agli altri che perdonare se stessi, specialmente se l'errore che abbiamo commesso si riferisce alla sfera della maternità. Se si può, bisogna chiedere perdono e trovare la maniera di ricominciare da capo senza che quello che è successo ci impedisca di essere migliori. Allo stesso tempo, una buona mamma lotta costantemente per migliorare i propri difetti.

10. Una buona mamma è felice. Ed è capace di divertirsi. C'è un detto negli Stati Uniti, Quando la regina è felice c'è pace nel regno. Ci rendiamo conto della responsabilità che abbiamo? La nostra felicità è la chiave per la felicità della nostra famiglia! Hai riso oggi insieme alla tua famiglia? Sei soddisfatta (anche se stanca)? Ti sai divertire e apprezzi le piccole cose di ogni giorno o ti senti affogare dalle responsabilità e dalle cose da fare? La miglior mamma non è la più bella, ne la più organizzata, ne la più organica o la miglior cuoca, ne la miglior educatrice, ne quella che più tempo dedica ai suoi figli. Ma la mamma più felice.

Buona festa della mamma!

Il disegno è di Memole. Quando me l'ha regalato mi sono commossa. Vorrei essere sempre cosí per lei. Una mamma con le braccia aperte, il sorriso sulla bocca e un cuore grande. Come è difficile...

5 commenti:

  1. Trovo questo tuo decalogo bellissimo e, soprattutto tutto da seguire. Io personalmente ho tanto da lavorare per cercare di rispettarlo! Grazie per aver condiviso questi spunti così interessanti! Questa sera voglio iniziare subito con il dialogo a tavola dato che il mio "cosa hai fatto oggi?" o "tutto bene oggi?" non riscuotono mai tanto successo..

    RispondiElimina
  2. Proprio bello! Mi sono copiata più di qualche passaggio come promemoria..grazie!!!

    RispondiElimina
  3. 1,2 ,4 ,7 10 concordosu questi punti a pieno .....
    veronica

    RispondiElimina
  4. Sul blog ho ancora la pagina con il Decalogo del buon padre... :-)

    RispondiElimina
  5. Complimenti!!! Decalogo davvero interessante! Cercherò di iniziare già stasera con le tre domande...non ci avevo mai pensato. Anche mia madre mi ha spesso ricordato alcuni punti di questo elenco!!! Bisogna sempre ascoltare le nostre mamme e le nostre nonne. Grazie :)

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails